L'isola dei Saremo famosi (per un po', almeno)

Wilson, dal film Castaway

Ci sono diversi modi di fare “carriera” in un partito. Il modo A, quello auspicabile, è il metodo classico: partecipi alla vita pubblica, fai proposte, le appoggi, cerchi di realizzare attività o iniziative che riguardano la collettività. Chessò: persegui un obbiettivo, un tema sociale, ad esempio la legalizzazione della marijuana, una legge di tutela di una minoranza, un diverso approccio ad un problema reale, una nuova legislazione in materia di gatti o di procreazione assistita o di contrasto del gioco d'azzardo.

Argomenti: 

I dieci libri della mia vita (solito giochino su Fb che metto qui così evito di riscrivere tutto ogni volta)

Italo Calvino

Il Barone Rampante, Italo Calvino

Conversazione in Sicilia, Elio Vittorini

Il segreto del bosco vecchio, Dino Buzzati

1984, George Orwell

Un oscuro scrutare. Philip Kildred Dick

La valigia di mio padre, Horan Pamuk

I miei luoghi oscuri, James Ellroy,

Comma 22, Joseph Heller

Di cosa parliamo quando parliamo d'amore, Raymond Carver

Ulisse, James Joyce (mai finito ma è una pietra miliare)

Ne restano fuori una marea, ma tant'è...

Argomenti: 

La vecchiaia si prende per la gola

Vatel

Il sussurrio dei “Carbonari della tagliatella” si era già propagato da settimane, tutti congiuranti per l'improcastinabile obbiettivo: cena con Italia – Inghilterra annessa. Con qualcosa di più del fantozziano “frittatona di cipolla, familiare di Peroni, tifo indiavolato e rutto libero!”, poiché l'esordio mondiale della Nazionale ha coinciso con il compleanno di Pigo: festa a sorpresa. Data la vittima, scelto il luogo del delitto, il terreno di delirio si è propagato a tutti gli altri dettagli della serata, a cominciare dal cibo.

Argomenti: 

Il Giacobino delle ferriere

Maximilien-François-Marie-Isidore de Robespierre

Pur non amando le liturgie, alcune che riguardano la leadership e il rapporto con i sostenitori le ritengo ineludibili: quando si devono prendere decisioni importanti, quando si vince, quando si perde. Che si parli di politica o che si parli di impresa ben poco cambia: il leader si deve presentare di fronte al suo pubblico e con esso confrontarsi. In questo gesto si può misurare la propria forza (o quella rimasta) e il seguito che ha.

Argomenti: 

L'insostituibile valore delle torce nell'arte e nella vita comune

In girum imus nocte et consumimur igni, di Franco Pozzi, carta velina, cm 150 x 250

Con l'arte, si sa, non sempre si riesce a mangiare. O sei bravo e commerciabile, o sei bravo e basta, e nel secondo caso vivi di ideali, produci arte e campi con qualcos'altro. Insomma, essere artisti nella gran parte dei casi, se non è una rimessa poco ci manca. Poi, qualche volta, ci si mette anche il pubblico, che non solo non è pagante, ma talvolta è pure prendente. Mi spiego.

Autori: 
Argomenti: 

Pagine

Subscribe to La casa di Kikko RSS