Galleggiando nell'acqua

La scena finale del Moby Dick di John Huston

Dopo due anni 8 mesi e spiccioli, ho rimesso mano ai miei siti. Modificandoli completamente. Ci starebbe bene un echissenefrega, ma in realtà è stato un passo importante, per la Casa di Kikko, il sito e tutta la piccola galassia politico – informativa che, da poche ore, è visitabile sul nuovo server fornitomi da Servededicati.it. Sì perché non ci mettevo mano, a parte l'ordinaria amministrazione – un testo oggi, un testo ieri...

Strumenti: 
Opere: 
Autori: 
Media: 
Argomenti: 

Festa del lavoro, un pensiero da Conrad

Lo scrittore Joseph Conrad

No, non mi piace il lavoro. Preferirei poltrire pensando a tutte le cose belle che si possono fare. Non mi piace il lavoro - a nessuno piace - ma mi piace quel che c'è nel lavoro - l'occasione di scoprire se stessi. La propria realtà - per sé, non per gli altri - ciò che nessun altro uomo potrà mai sapere. Gli altri possono soltanto vedere l'apparenza, senza poter mai sapere che cosa significhi veramente.

Joseph Conrad (da Cuore di Tenebra)

Autori: 
Argomenti: 

In morte di mio fratello

Un'immagine di mio fratello, Roberto Rotelli

In queste ore drammatiche credo tutti abbiano cercato come me di aggrapparsi a un'immagine di Roberto, affannosamente intenti ad afferrarla prima che l'assenza ne faccia perdere la limpidezza.

Persone: 
Argomenti: 

Rubare ai predicatori porta all'inferno?

Lee Marvin

«Tutto quello che Westlake ha scritto celandosi sotto falsa identità è buono, il resto è ancora meglio. Se non avete tutto, andate dal vostro libraio, compulsate i cataloghi, ordinate, leggete. Nient'altro» E' Jean-Patrick Manchette al termine delle pagine dedicate al creatore del personaggio Parker, nel suo "Le ombre inquiete". Perché Richard Stark è lo pseudonimo di Donald Westlake, usato per raccontare le storie del rapinatore di professione Parker. E dopo questo primo approccio con "Comeback.

Personaggi: 
Argomenti: 

Compleanno. Diciamo.

Un anno fa (ri) cominciavo a fare l'operaio, ma in una cooperativa sociale. Oggi ho festeggiato con i colleghi qualche acciacco da lavoro, un sano distacco dalle cazzate, un sentito vaffanculo a qualche peracottaro gallonato della politica e un ritrovato senso in quel (poco) che scrivo. E aspetto la prossima evoluzione.

Argomenti: 

Pagine

Subscribe to La casa di Kikko RSS